Lezione 2 Cambiamento climatico e politica climatica – Il Green Deal europeo

Introdotto nel dicembre 2019, l’European Green Deal è un’ampia strategia proposta dall’Unione Europea. Il suo obiettivo generale è quello di migliorare la sostenibilità dell’economia dell’UE, affrontando al contempo le pressanti questioni del cambiamento climatico e del declino ambientale.

Gli obiettivi principali del Green Deal sono:

  1. Raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, il che significa che l’UE mirerà a produrre emissioni nette di gas serra pari a zero, principalmente anidride carbonica, entro quell’anno.
  2. Aumentare la quota di fonti energetiche rinnovabili nel mix energetico dell’UE, con un obiettivo del 32% entro il 2030.
  3. Migliorare l’efficienza energetica negli edifici, nei trasporti e nell’industria.
  4. Preservare e ripristinare la biodiversità e gli ecosistemi, anche riducendo l’inquinamento e incrementando l’agricoltura sostenibile.
  5. Promuovere un’economia circolare riducendo i rifiuti e aumentando il riutilizzo, la riparazione e il riciclaggio dei materiali.

Per raggiungere questi obiettivi, il Green Deal europeo propone una serie di politiche e iniziative, tra cui:

  1. Una legge europea sul clima che sancisca l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.
  2. Un meccanismo di transizione equa per aiutare le regioni e i settori più colpiti dalla transizione verso un’economia più green.
  3. La strategia Farm to Fork, che mira a rendere più sostenibili la produzione e il consumo di cibo.
  4. Il Piano d’azione per l’economia circolare, che definisce le misure per promuovere un’economia circolare.
  5. Una strategia dell’UE per la biodiversità per il 2030, che stabilisce misure per proteggere e ripristinare gli ecosistemi e la biodiversità.

Nel complesso, il Green Deal europeo rappresenta uno sforzo globale dell’UE per la transizione verso un’economia più sostenibile, a basse emissioni di carbonio e circolare, che protegga l’ambiente, promuova la crescita economica e porti benefici a tutti i cittadini.

Il Piano europeo per gli investimenti verdi:

Il Piano di Investimento Europeo per il Green Deal (EGDIP), noto anche come Piano di Investimento per l’Europa Sostenibile (SEIP), costituisce la base di investimento dell’iniziativa Green Deal. Con l’obiettivo di raggiungere gli obiettivi delineati dal Green Deal europeo, questo piano mira a mobilitare un minimo di 1.000 miliardi di euro in investimenti sostenibili nei prossimi 10 anni. All’interno di questa strategia, il Meccanismo di Transizione Giusta occupa una posizione di rilievo, puntando a un passaggio equo ed etico verso la sostenibilità. Questo meccanismo mira a indirizzare investimenti per almeno 100 miliardi di euro dal 2021 al 2027 per fornire sostegno alla forza lavoro e ai residenti nelle regioni più colpite dalla transizione:

  • Rafforzare le risorse finanziarie per la transizione e mobilitare almeno 1.000 miliardi di euro per sostenere gli investimenti sostenibili nel prossimo decennio attraverso il bilancio dell’UE e i meccanismi associati, in particolare InvestEU.
  • Creare un quadro favorevole agli investitori privati e al settore pubblico per facilitare gli investimenti sostenibili.
  • Fornire assistenza alle amministrazioni pubbliche e ai promotori di progetti per individuare, strutturare ed eseguire progetti sostenibili (Link)

Questo lavoro è concesso in licenza d’uso a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

Il sostegno della Commissione europea alla realizzazione di questa pubblicazione non costituisce un’approvazione dei contenuti, che riflettono esclusivamente le opinioni degli autori, e l’Agenzia nazionale e la Commissione non possono essere ritenute responsabili per l’uso che può essere fatto delle informazioni in essa contenute.