Lezione 3 Best Practices

Strumento di Best Practice I –   Matrice di maturità Deloitte Green

La matrice di maturità è uno strumento indicativo, progettato per consentire alle organizzazioni di identificare le potenziali lacune e i possibili passi successivi in due aree:

  1. La capacità di affrontare le sfide green (cambiamenti climatici, inquinamento, rifiuti, ecc.).
  2. La capacità green delle funzioni interne (risorse umane, IT, finanza, ecc.).

Questo strumento può essere facilmente adattato a qualsiasi tipo di organizzazione e di obiettivi di sostenibilità tramite Excel.

È possibile mappare ed evidenziare le capacità attuali, i potenziali punti di debolezza e di forza, le aree di miglioramento e le possibili sinergie tra i reparti e i diversi livelli dell’organizzazione.

Può essere utilizzato sia per l’analisi che per la pianificazione della strategia.  Il toolkit è disponibile qui: Link.

Tema Comprensione Sviluppo Performance Risultati

Gestione

  • Si impegna a ridurre le emissioni di carbone in linea con il percorso di 1,5°C e identifica obiettivi di sostenibilità più ampi.
  • Identifica uno sponsor esecutivo che sia responsabile dell'attuazione della strategia a livello aziendale.
  • Categorizza i rischi legati al clima nel breve, medio e lungo termine.
  • Incorpora i processi di gestione del rischio nelle operazioni aziendali e crea una struttura di governance per la sua supervisione.
  • Mobilita i team per identificare e dare priorità alle iniziative di sostenibilità
  • Utilizza sistemi di gestione delle prestazioni per incentivare le azioni a sostegno degli impegni di sostenibilità.
  • Certifica le procedure interne in base agli standard locali e internazionali pertinenti.
  • Pianifica e traccia continuamente le azioni di sostenibilità
  • Delinea obiettivi ambientali ambiziosi che vanno oltre lo zero netto, che restituiscono all'ambiente più valore di quanto ne prendano, come ad esempio il raggiungimento del carbonio positivo, il guadagno netto della biodiversità
  • È riconosciuta come organizzazione leader nella promozione dell'accelerazione verso un futuro sostenibile a basse emissioni di carbonio.

Approvvigionamento

  • Identifica i requisiti di sostenibilità, gli indicatori chiave di prestazione (KPI) e i rischi associati a ciascuna categoria di approvvigionamento.
  • Richiede ai fornitori di condividere i dati sulle emissioni
  • Stabilisce e implementa un processo per garantire il rispetto di standard minimi sostenibili ed etici negli appalti e nei contratti.
  • Include nei contratti i requisiti dei fornitori per la definizione di una strategia net zero e di sostenibilità.
  • Sviluppa e tiene traccia degli indicatori chiave di performance della sostenibilità dei fornitori per un ulteriore monitoraggio e analisi.
  • Costruisce la capacità dei fornitori di formazione di migliorare ulteriormente le loro catene di approvvigionamento sostenibili.

Strumento di Best Practice II – Deloitte Blueprint di un’organizzazione modello

Lo schema di una “organizzazione modello” delinea l’immagine di un’organizzazione che ha incorporato competenze green in tutte le famiglie di lavoro, condividendo la responsabilità dell’organizzazione di soddisfare le richieste dei consumatori, degli stakeholder e delle autorità di regolamentazione nell’economia green.

Questo strumento aiuta a identificare le carenze di competenze green in tutte le famiglie di lavoro. Fornisce una panoramica organizzativa adatta a organizzazioni di tutte le dimensioni. Lo strumento riflette 3 livelli (leadership, management e operativo), identifica i fattori esterni di cambiamento e le competenze. Può essere utilizzato sia per l’analisi che per la pianificazione strategica. Il modello è una semplice matrice e può essere facilmente adattato a qualsiasi organizzazione.

HR/Persone

Competenze Fondamentali

Leadership, gestione del cambiamento, pianificazione strategica, coaching, formazione

Fattori esterni chiave per il cambiamento

  • Diversità e inclusione.
  • Organizzazioni guidate da obiettivi/valori.
  • IA, automazione, robotica e blockchain
  • Invecchiamento della forza lavoro e pensioni
Abilità Green: Conoscenze Competenze tecniche Comportamento Competenze

Leadership

  • Consapevolezza delle tendenze verso ruoli orientati allo scopo per attrarre e trattenere il personale.
  • Crea strutture di incentivi, revisioni e sviluppo dei talenti allineate alla strategia di sostenibilità.
  • Crea una cultura dell'apprendimento organizzativo e individuale delle competenze ecologiche adattate alle mansioni.
  • Costruire le capacità future in termini di competenze e lavori green.
  • Gestione del cambiamento che porta la forza lavoro nel percorso sostenibile.

Gestione

  • Consapevolezza delle esigenze di competenze green in tutti i ruoli dell'organizzazione.
  • Sviluppa pratiche di assunzione imparziali per incoraggiare la diversità.
  • Offre formazione per le competenze verdi fondamentali
  • Coadiuva e guida i dipendenti in carriere di sostenibilità più ecologiche
  • Attira e mantiene i dipendenti in ruoli che producono valore sociale.

Operazioni

  • Consapevolezza delle motivazioni del personale e della sua comprensione del cambiamento climatico.
  • Scrive ruoli lavorativi, quadri di competenze e percorsi di apprendimento che incorporano le competenze green.
  • Promuove iniziative di sostenibilità organizzativa per creare un'organizzazione orientata allo scopo.
  • Seguire processi di assunzione sostenibili, riducendo al minimo l'impatto.

Stato attuale

Strumento per le best practice III – Fattori bloccanti e fattori abilitanti

Questa matrice riassume gli ostacoli comuni all’adozione di competenze green e una serie di potenziali fattori abilitanti per superare tali ostacoli.

Il contenuto si basa su discussioni e interviste con professionisti della sostenibilità ma, come per gli altri due strumenti, può essere replicato e adattato attraverso interviste con dipendenti, clienti e altri stakeholder più specifici del settore di un’organizzazione.

Comprendere i possibili ostacoli incontrati da altri e confrontarli con la propria organizzazione e il proprio settore di interesse consentirà di costruire un senso più forte per i miglioramenti e i limiti necessari nella transizione green. Questo strumento contiene 4 livelli di maturità, diversi ostacoli e fattori abilitanti e descrizioni per ciascuno di essi. Il toolkit è disponibile qui: Link.

Maturità Fattori bloccanti Descrizione Potenziali fattori abilitanti

Livello 1:

Comprensione

Stabilire un livello di conoscenza di base

I dipendenti hanno una comprensione limitata della transizione verde, del perché le pratiche sostenibili sono importanti e di come influiranno sul loro ruolo quotidiano, sull'azienda, sul settore e sull'economia del Regno Unito in generale.

  • Campagne di coinvolgimento dei dipendenti con messaggi chiari e coerenti sulla sostenibilità
  • Formazione specifica per ogni ruolo
  • Sistema di gestione ambientale (SGA) interattivo che mostra le prestazioni e l'impatto ambientale

Comprensione da parte della leadership del valore delle competenze green

I leader hanno una comprensione limitata del modo in cui la sostenibilità e le competenze verdi potrebbero aggiungere valore alla loro organizzazione e non hanno chiaro il business case per il cambiamento.

  • Presentare il business case per le competenze verdi
  • Mostrare i successi rapidi con le famiglie di lavoro che stanno già cambiando

Livello 2:

Sviluppo

Strategia, pianificazione e investimenti limitati

Le organizzazioni non sono sicure di dove siano le carenze di competenze verdi, né di come misurarle e stabilirne le priorità. La mancanza di una strategia e di un piano d'azione chiari rende difficile ottenere investimenti.

  • Usare il modello di organizzazione per identificare le lacune di competenze verdi nelle famiglie di lavoro della vostra organizzazione.
  • Lavorare con le funzioni di apprendimento e sviluppo per creare piani di sviluppo.

Processi e strutture rigidi e poco flessibili al cambiamento

Sebbene la governance sia importante per sostenere il cambiamento, la burocrazia e le lungaggini burocratiche possono ostacolare la capacità di modificare i metodi di lavoro per adottare nuovi comportamenti green e sviluppare una cultura verde.

  • Formare team basati sulla missione per concentrarsi sui risultati
  • Utilizzare le reti verdi, che possono essere trasversali alle strutture organizzative, per condividere l'apprendimento.

Priorità contrastanti e problemi di gestione del tempo

La formazione sulle competenze ecologiche è vista come un'attività che richiede molto tempo Le priorità concorrenti fanno sì che le pratiche di sostenibilità siano viste come meno importanti o come un'ulteriore richiesta che si aggiunge a un'agenda fitta di impegni.

  • Apprendimento misto sotto forma di formazione modulare e apprendimento sul posto di lavoro
  • Definizione delle priorità di lavoro in base ai valori aziendali
  • Riorganizzazione delle strutture dei team per riflettere le priorità
  • Adozione del lavoro agile

Strumento di best practice IV ISO – Sistema di gestione ambientale 14001

I requisiti ISO 14001 forniscono un quadro di riferimento e linee guida per la creazione del sistema di gestione ambientale, in modo da non perdere elementi importanti necessari per il successo di un SGA.

Un SGA (certificato ISO o meno) è una soluzione all-in-one (di solito su un server intranet, replicabile gratuitamente su servizi come Google Drive, Teams, OneDrive) che contiene tutto ciò che (strumenti di tracciamento, database, tutorial e formazione, leadership e struttura organizzativa, monitoraggio e valutazione, termini e definizioni) riguarda la gestione delle operazioni di transizione ambientale/sostenibilità di un’organizzazione. Lo standard ISO può servire come linea guida per costruire un sistema complessivamente migliore.

Questo lavoro è concesso in licenza d’uso a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

Il sostegno della Commissione europea alla realizzazione di questa pubblicazione non costituisce un’approvazione dei contenuti, che riflettono esclusivamente le opinioni degli autori, e l’Agenzia nazionale e la Commissione non possono essere ritenute responsabili per l’uso che può essere fatto delle informazioni in essa contenute.